Passa ai contenuti principali

Chi siamo

LE VIE DEL CHIANTI, un angolo di Toscana tutto da scoprire
Slow, la parola d’ordine per osservare i poggi da un’altra angolazione

Il vero viaggio di scoperta
non consiste nel cercare nuove terre,
ma nell'avere nuovi occhi…”
(M. Proust)


Guide Ambientali 






Eleonora Grechi
cell. 392 0579570
Facebook : Eleonora Grechi

... ma poi ho camminato tanto e fuori,
c'era un grande sole,
che non ho più pensato
a tutte queste cose...





Samuele Agazzi
  cell. 338 4611098

... bisognerebbe fermarsi in tempo,
non aver fretta ma rallentare,
guardarsi indietro e poi capire
che c'è bisogno di più memoria





Parliamo di gusto? Non solo. Di natura? Anche. Di escursionismo, progettazione di gite naturalistiche e culturali, di didattica ambientale e di accompagnamento? Di piu’. E non si puo’ tralasciare di certo la buona enogastronomia di queste zone favolose.

Stiamo esattamente in Toscana, nelle zone del Chianti, quelle comprese tra le province di Firenze, Siena e Arezzo, ideali per lunghe passeggiate nel verde, escursioni in montagna e in collina, dove poter trascorrere un’esperienza indimenticabile, gustare i vini migliori, assaporare le ricette piu’ sfiziose del territorio fiorentino.

Ed è proprio in questo meraviglioso contesto che si inserisce “Le Vie del Chianti”, un gruppo nato nel 2012 dalla volontà e dalla collaborazione di Eleonora e Samuele, due amici e Guide Ambientali Escursioniste (GAE), che si propongono di promuovere una cultura ‘Slow’, il cui Denominatore comune è la lentezza del viaggiare, per assaporare appieno quello che l'ambiente circostante è in grado di offrire.

Come? Organizzando gite ed escursioni per persone singole e/o gruppi e progettando soggiorni naturalistici e culturali, di didattica ambientale e di accompagnamento. Si occupano inoltre di assicurare la necessaria assistenza tecnica nella visita di ambienti naturali anche antropizzati, di musei eco-ambientali, allo scopo di illustrarne gli elementi, le caratteristiche, i rapporti ecologici, il legame con la storia e le tradizioni culturali e fornisce, inoltre, elementi di educazione ambientale.

Cosa Aspetti? Contattaci per vivere un’esperienza nuova, all’insegna del gusto, del relax e del sano divertimento!

CHI SIAMO


Le Vie del Chianti è il nome che identifica l'attività di promozione della disciplina dell'escursionismo, nata dalla volontà e dalla collaborazione tra alcune guide ambientali escursionistiche, abilitate ai sensi della L.r. n. 42/2000, la Società Aquatica della Piscina del Chianti e la Associazione ChiantiMutua.

Le Vie del Chianti si propone di diffondere e promuovere la cultura e la pratica dell'attività sportiva escursionistica attraverso la riscoperta e la tutela della natura e dell'ambiente che ci circonda.
Denominatore comune è la lentezza del viaggiare, per assaporare appieno quello che l'ambiente circostante ci offre.
Scopo principale è quello di esplorare e far conoscere in primis il Chianti, questo nostro meraviglioso angolo di Toscana, con la consapevolezza che camminare è sinonimo di benessere fisico e mentale. Camminare lentamente è il modo migliore per osservare la natura, conoscere la nostra storia, le nostre tradizioni, la nostra cucina e riappropriarci del nostro tempo per apprezzare il presente.


Camminare lentamente è vedere i nostri poggi da un'altra angolazione, al di là della solita strada asfaltata che percorriamo distrattamente ogni giorno; è vedere, ancora, cosa c'è al di là della collina e conoscere chi ci abitava prima di noi.
Camminare è lo sport più naturale ed anche il modo più intelligente per conoscere e condividere con altri le nostre passioni o, anche più semplicemente, il modo più bello per stare assieme, immersi nel paesaggio, sollevati dalle noie quotidiane, scoprendoci meravigliati dinnanzi ad uno scorcio naturale o ad un panorama mozzafiato.







Post popolari in questo blog

Scarpe da trekking: chi più spende meno spende, o meglio, chi più spende si fa meno male e fa meno fatica.

  Questo piccolo “trattato semi-serio” vuole spiegare, spero con chiarezza, il perché sia utile e necessario indossare le cose giuste ai piedi quando si decide di andare a camminare. Sono i piedi che ci portano in giro e dobbiamo averne cura e rispetto altrimenti, come moltissimi hanno già testato personalmente, con non pochi pentimenti, la vendetta dei piedi maltrattati arriverà funesta e puntuale e prevede: slogature, cadute, sbucciature, tendiniti, dolori alle gambe, dolori alla schiena e conseguente abbandono dell’hobby delle camminate. Dopo tanti anni che faccio la guida ambientale mi stupisco ancora delle tante persone che si intestardiscono di approcciarsi a questo hobby/sport/passione con calzature non adeguate. Tra l’altro spesso con forte “impermalosimento” nel caso ci si permetta di dare un consiglio. Non è raro, vi assicuro, che, nonostante le istruzioni date più e più volte, si presentino la mattina alle camminate persone con scarpe, come dico io, “da tapis roulant”

Fare la guida è un lavoro serio. Vi portiamo a “giocare” ma per noi non è un gioco.

  Vi portiamo a “giocare” ma per noi non è un gioco. Fare la guida è un lavoro serio. Perché scrivo questo? Perché in tanti anni che faccio la guida, ho come l’impressione che tutti quei lavori e mestieri legati al gioco, alle distrazioni e al divertimento, non siano considerati lavori seri. Per me fare la guida è questo: camminare, conoscere, creare socializzazione ma è anche e soprattutto una grande responsabilità perché le persone ti affidano il proprio tempo libero. Ho molto rispetto del tempo più prezioso che ognuno di noi ha nella vita, quello in cui siamo liberi dai doveri quotidiani e si cerca nella natura e in un piccolo viaggio, un pò di distrazione, allegria e nuove conoscenze. Fare la guida (turistica o ambientale che sia) non è un lavoro qualsiasi, ma è una professione vera per la quale c’è bisogno alla base di grande preparazione e senso di responsabilità. Per prima cosa una preparazione culturale. A questa si aggiunge una preparazione tecnica e fisica. Una guida

Difficoltà delle camminate - cose da sapere

  In ogni volantino delle camminate trovate, nella parte dedicata ai "dettagli della camminata", alcune informazioni importanti. Per ogni camminata viene comunicata la  DIFFICOLTA' TECNICA . Questo grado di difficoltà, espressa in facile/medio/difficile, si riferisce a "dove si mettono i piedi".  Livello facile:  percorso si strade bianche, stradelli poderali e di campo, strade asfaltate, mulattiere, sentieri larghi. Livello medio:  percorso su sentieri stretti, acciottolati, pietraie, pascoli, tracce di sentiero, pendii a tratti ripidi. Possibili tratti scivolosi. Livello difficile:  percorso su terreno impervio e infido, pietraie, tratti esposti, nevai, sentieri disconnessi, esposti, rocciosi.  Per ogni camminata viene poi comunicato il livello di  IMPEGNO FISICO . Il grado di impegno si riferisce a "quanta fatica si fa". Impegno facile:  camminate con dislivelli contenuti sia in salita che in discesa - tra 0 e 300 metri. Impegno medio:  camminate co