Passa ai contenuti principali

Chi siamo

LE VIE DEL CHIANTI, un angolo di Toscana tutto da scoprire
Slow, la parola d’ordine per osservare i poggi da un’altra angolazione

Il vero viaggio di scoperta
non consiste nel cercare nuove terre,
ma nell'avere nuovi occhi…”
(M. Proust)


Guide Ambientali 






Eleonora Grechi
cell. 392 0579570
Facebook : Eleonora Grechi

... ma poi ho camminato tanto e fuori,
c'era un grande sole,
che non ho più pensato
a tutte queste cose...





Samuele Agazzi
  cell. 338 4611098

... bisognerebbe fermarsi in tempo,
non aver fretta ma rallentare,
guardarsi indietro e poi capire
che c'è bisogno di più memoria





Parliamo di gusto? Non solo. Di natura? Anche. Di escursionismo, progettazione di gite naturalistiche e culturali, di didattica ambientale e di accompagnamento? Di piu’. E non si puo’ tralasciare di certo la buona enogastronomia di queste zone favolose.

Stiamo esattamente in Toscana, nelle zone del Chianti, quelle comprese tra le province di Firenze, Siena e Arezzo, ideali per lunghe passeggiate nel verde, escursioni in montagna e in collina, dove poter trascorrere un’esperienza indimenticabile, gustare i vini migliori, assaporare le ricette piu’ sfiziose del territorio fiorentino.

Ed è proprio in questo meraviglioso contesto che si inserisce “Le Vie del Chianti”, un gruppo nato nel 2012 dalla volontà e dalla collaborazione di Eleonora e Samuele, due amici e Guide Ambientali Escursioniste (GAE), che si propongono di promuovere una cultura ‘Slow’, il cui Denominatore comune è la lentezza del viaggiare, per assaporare appieno quello che l'ambiente circostante è in grado di offrire.

Come? Organizzando gite ed escursioni per persone singole e/o gruppi e progettando soggiorni naturalistici e culturali, di didattica ambientale e di accompagnamento. Si occupano inoltre di assicurare la necessaria assistenza tecnica nella visita di ambienti naturali anche antropizzati, di musei eco-ambientali, allo scopo di illustrarne gli elementi, le caratteristiche, i rapporti ecologici, il legame con la storia e le tradizioni culturali e fornisce, inoltre, elementi di educazione ambientale.

Cosa Aspetti? Contattaci per vivere un’esperienza nuova, all’insegna del gusto, del relax e del sano divertimento!

CHI SIAMO


Le Vie del Chianti è il nome che identifica l'attività di promozione della disciplina dell'escursionismo, nata dalla volontà e dalla collaborazione tra alcune guide ambientali escursionistiche, abilitate ai sensi della L.r. n. 42/2000, la Società Aquatica della Piscina del Chianti e la Associazione ChiantiMutua.

Le Vie del Chianti si propone di diffondere e promuovere la cultura e la pratica dell'attività sportiva escursionistica attraverso la riscoperta e la tutela della natura e dell'ambiente che ci circonda.
Denominatore comune è la lentezza del viaggiare, per assaporare appieno quello che l'ambiente circostante ci offre.
Scopo principale è quello di esplorare e far conoscere in primis il Chianti, questo nostro meraviglioso angolo di Toscana, con la consapevolezza che camminare è sinonimo di benessere fisico e mentale. Camminare lentamente è il modo migliore per osservare la natura, conoscere la nostra storia, le nostre tradizioni, la nostra cucina e riappropriarci del nostro tempo per apprezzare il presente.


Camminare lentamente è vedere i nostri poggi da un'altra angolazione, al di là della solita strada asfaltata che percorriamo distrattamente ogni giorno; è vedere, ancora, cosa c'è al di là della collina e conoscere chi ci abitava prima di noi.
Camminare è lo sport più naturale ed anche il modo più intelligente per conoscere e condividere con altri le nostre passioni o, anche più semplicemente, il modo più bello per stare assieme, immersi nel paesaggio, sollevati dalle noie quotidiane, scoprendoci meravigliati dinnanzi ad uno scorcio naturale o ad un panorama mozzafiato.







Post popolari in questo blog

Scarpe da trekking: chi più spende meno spende, o meglio, chi più spende si fa meno male e fa meno fatica.

  Questo piccolo “trattato semi-serio” vuole spiegare, spero con chiarezza, il perché sia utile e necessario indossare le cose giuste ai piedi quando si decide di andare a camminare. Sono i piedi che ci portano in giro e dobbiamo averne cura e rispetto altrimenti, come moltissimi hanno già testato personalmente, con non pochi pentimenti, la vendetta dei piedi maltrattati arriverà funesta e puntuale e prevede: slogature, cadute, sbucciature, tendiniti, dolori alle gambe, dolori alla schiena e conseguente abbandono dell’hobby delle camminate. Dopo tanti anni che faccio la guida ambientale mi stupisco ancora delle tante persone che si intestardiscono di approcciarsi a questo hobby/sport/passione con calzature non adeguate. Tra l’altro spesso con forte “impermalosimento” nel caso ci si permetta di dare un consiglio. Non è raro, vi assicuro, che, nonostante le istruzioni date più e più volte, si presentino la mattina alle camminate persone con scarpe, come dico io, “da tapis roulant”

Domenica 21 agosto - Tresana, il borgo delle Ortensie

  Una valle meravigliosa, con boschi, piccoli borghi incantati e colorati, panorami, acque cristalline. Un luogo sospeso nel tempo tra antichità, santità, natura e bellezza. Una camminata che non è facile da descrivere perché un semplice elenco dei luoghi non potrà mai rendere l’idea delle bellezze e della pace che troveremo ad ogni nostro passo. Cammineremo per andare a scoprire ciò che c'è tra il bel borgo di Porretta Terme e il "lato B" del Corno alle Scale, che si insunua poi nella Valle dell?orsigna. Boschi abitati da immensi castagni secolari, antiche strade selciate, mulini dai tetti di lastre di pietra. E poi Monteacuto delle Alpi, un borgo antico abbarbicato sulla vetta rocciosa di una montagna. Il suggestivo Santuario della Madonna del Faggio e il luogo della sua apparizione. E poi il gioiello di questa meravigliosa valle, Tresana, il borgo delle ortensie. Dettagli tecnici : Lunghezza : 14 km Difficoltà: media Impegno: medio Quota minima : 600 metri Quota massim