Passa ai contenuti principali

Protocollo sanitario




Ecco il Protocollo sanitario che Le Vie del Chianti adottano per rispettare le norme di prevenzione per il COVID-19:

  1. L’appuntamento alle escursioni per i partecipanti sarà direttamente al punto di partenza dell'escursione. Ognuno dovrà raggiungere autonomamente il punto di partenza dell'escursione e nel caso di condivisione dell'auto fra persone non conviventi rimane la regola del metro di distanza;
    Il punto di incontro NON SARA’ un Bar, ma un luogo all'aperto e ampio. E' necessario quindi che ognuno si procuri precedentemente il pranzo a sacco, l’acqua e quant'altro necessaria per l’escursione;
  2. Sarà obbligatorio avere la mascherina per tutti i partecipanti da indossare nelle situazioni in cui non si possa mantenere la distanza prevista ;
  3. E’ vietata qualsiasi forma di condivisone di cibo e bevande;
  4. Sono vietati qualsiasi forma di contatto fisico tra i partecipanti. Durante l’escursione sarà mantenuta la distanza di almeno 2 metri tra ogni escursionista;
  5. E' obbligatorio avere con sé gel o spray igienizzante per lavarsi le mani e igienizzare oggetti e materiali utilizzati;
  6. Evitare scambio di oggetti e materiali tra i partecipanti;
  7. Il numero massimo di partecipanti è fissato in 20, senza nessuna deroga.

Con riferimento all'emergenza epidemiologica in corso, tutte le attività de Le Vie del Chianti possono subire modifiche e/o variazioni per adeguarsi alle disposizioni sanitarie


Post popolari in questo blog

Scarpe da trekking: chi più spende meno spende, o meglio, chi più spende si fa meno male e fa meno fatica.

  Questo piccolo “trattato semi-serio” vuole spiegare, spero con chiarezza, il perché sia utile e necessario indossare le cose giuste ai piedi quando si decide di andare a camminare. Sono i piedi che ci portano in giro e dobbiamo averne cura e rispetto altrimenti, come moltissimi hanno già testato personalmente, con non pochi pentimenti, la vendetta dei piedi maltrattati arriverà funesta e puntuale e prevede: slogature, cadute, sbucciature, tendiniti, dolori alle gambe, dolori alla schiena e conseguente abbandono dell’hobby delle camminate. Dopo tanti anni che faccio la guida ambientale mi stupisco ancora delle tante persone che si intestardiscono di approcciarsi a questo hobby/sport/passione con calzature non adeguate. Tra l’altro spesso con forte “impermalosimento” nel caso ci si permetta di dare un consiglio. Non è raro, vi assicuro, che, nonostante le istruzioni date più e più volte, si presentino la mattina alle camminate persone con scarpe, come dico io, “da tapis roulant”

Domenica 21 agosto - Tresana, il borgo delle Ortensie

  Una valle meravigliosa, con boschi, piccoli borghi incantati e colorati, panorami, acque cristalline. Un luogo sospeso nel tempo tra antichità, santità, natura e bellezza. Una camminata che non è facile da descrivere perché un semplice elenco dei luoghi non potrà mai rendere l’idea delle bellezze e della pace che troveremo ad ogni nostro passo. Cammineremo per andare a scoprire ciò che c'è tra il bel borgo di Porretta Terme e il "lato B" del Corno alle Scale, che si insunua poi nella Valle dell?orsigna. Boschi abitati da immensi castagni secolari, antiche strade selciate, mulini dai tetti di lastre di pietra. E poi Monteacuto delle Alpi, un borgo antico abbarbicato sulla vetta rocciosa di una montagna. Il suggestivo Santuario della Madonna del Faggio e il luogo della sua apparizione. E poi il gioiello di questa meravigliosa valle, Tresana, il borgo delle ortensie. Dettagli tecnici : Lunghezza : 14 km Difficoltà: media Impegno: medio Quota minima : 600 metri Quota massim