Passa ai contenuti principali

Il logo


Gruppo escursionistico
Le Vie del Chianti


La storia del logo


In Palazzo Vecchio c'è il ritratto di un gallo nero.
Pochi lo sanno e pochissimi lo hanno visto, perchè vederlo non è facile, anzi è piuttosto difficile. Per vederlo, bisognerebbe stare a naso in sù, magari con un buon binocolo e osservare attentamente le pitture con le quali Giorgio Vasari e compagni decorarono il grande soffitto del Salone dei Cinquecento. Grande e fantastico. Si tratta di una straordinaria trama di capriate formata di un certo numero di cassettoni entro i quali sono incastonati altrettanti dipinti che raccontano la storia di Firenze, dalla sua leggendaria fondazione fino alle conquiste medicee, e che illustrano, con vedute panoramiche e figure allegoriche, i territori e le città soggette a Firenze.






In uno dei panelli è rappresentato il Chianti, e il Vasari così ebbe a descrivere il dipinto al duca Cosimo:

"Questo, Signore, è il Chianti con il fiume della Pesa e dell'Elsa, con i corni pieni di frutti, e anno a' piedi un Bacco di età più matura per i vini eccellenti di quel paese; e nel lontano ho ritratto la Castellina, Radda e il Brolio, con le insegne loro; e l'arme nello scudo tenuto da quel giovane, che rappresenta il Chianti, è un Gallo Nero in campo giallo".






.

Post popolari in questo blog

Scarpe da trekking: chi più spende meno spende, o meglio, chi più spende si fa meno male e fa meno fatica.

  Questo piccolo “trattato semi-serio” vuole spiegare, spero con chiarezza, il perché sia utile e necessario indossare le cose giuste ai piedi quando si decide di andare a camminare. Sono i piedi che ci portano in giro e dobbiamo averne cura e rispetto altrimenti, come moltissimi hanno già testato personalmente, con non pochi pentimenti, la vendetta dei piedi maltrattati arriverà funesta e puntuale e prevede: slogature, cadute, sbucciature, tendiniti, dolori alle gambe, dolori alla schiena e conseguente abbandono dell’hobby delle camminate. Dopo tanti anni che faccio la guida ambientale mi stupisco ancora delle tante persone che si intestardiscono di approcciarsi a questo hobby/sport/passione con calzature non adeguate. Tra l’altro spesso con forte “impermalosimento” nel caso ci si permetta di dare un consiglio. Non è raro, vi assicuro, che, nonostante le istruzioni date più e più volte, si presentino la mattina alle camminate persone con scarpe, come dico io, “da tapis roulant”

Fare la guida è un lavoro serio. Vi portiamo a “giocare” ma per noi non è un gioco.

  Vi portiamo a “giocare” ma per noi non è un gioco. Fare la guida è un lavoro serio. Perché scrivo questo? Perché in tanti anni che faccio la guida, ho come l’impressione che tutti quei lavori e mestieri legati al gioco, alle distrazioni e al divertimento, non siano considerati lavori seri. Per me fare la guida è questo: camminare, conoscere, creare socializzazione ma è anche e soprattutto una grande responsabilità perché le persone ti affidano il proprio tempo libero. Ho molto rispetto del tempo più prezioso che ognuno di noi ha nella vita, quello in cui siamo liberi dai doveri quotidiani e si cerca nella natura e in un piccolo viaggio, un pò di distrazione, allegria e nuove conoscenze. Fare la guida (turistica o ambientale che sia) non è un lavoro qualsiasi, ma è una professione vera per la quale c’è bisogno alla base di grande preparazione e senso di responsabilità. Per prima cosa una preparazione culturale. A questa si aggiunge una preparazione tecnica e fisica. Una guida

Isola di GORGONA - date di primavera 2023

  Gorgona non è semplicemente un'isola. E' un mondo a parte. Un piccolo mondo unico e speciale. Uno scoglio in mezzo al mare difficile da descrivere in poche righe, dove una natura lussureggiante e selvaggia si lega alla storia, importante e complessa, del suo penitenziario, tutt'ora attivo.  Un carcere unico al mondo dove si ogni giorno si vive, si lavora, si rinasce, tra mare, cielo e natura.    DATE DI PRIMAVERA  2023  LUNEDI' 10 APRILE (PASQUETTA!) DOMENICA 30 APRILE LUNEDI' 22 MAGGIO  DOMENICA 11 GIUGNO  Chiunque decida di sbarcare e visitare questo angolo di roccia in mezzo al mare blu e cristallino, sarà certamente un privilegiato e porterà con sé tutta la vita un bellissimo e indelebile ricordo. Un giorno speciale. Un trekking speciale. L'Isola di Gorgona, nel Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano è un luogo straordinario, selvaggio, unico e incontaminato. Antiche fortificazioni e torri di avvistamento che ci parlano di pirati. Baie e insenature c