Passa ai contenuti principali

Il logo


Gruppo escursionistico
Le Vie del Chianti


La storia del logo


In Palazzo Vecchio c'è il ritratto di un gallo nero.
Pochi lo sanno e pochissimi lo hanno visto, perchè vederlo non è facile, anzi è piuttosto difficile. Per vederlo, bisognerebbe stare a naso in sù, magari con un buon binocolo e osservare attentamente le pitture con le quali Giorgio Vasari e compagni decorarono il grande soffitto del Salone dei Cinquecento. Grande e fantastico. Si tratta di una straordinaria trama di capriate formata di un certo numero di cassettoni entro i quali sono incastonati altrettanti dipinti che raccontano la storia di Firenze, dalla sua leggendaria fondazione fino alle conquiste medicee, e che illustrano, con vedute panoramiche e figure allegoriche, i territori e le città soggette a Firenze.






In uno dei panelli è rappresentato il Chianti, e il Vasari così ebbe a descrivere il dipinto al duca Cosimo:

"Questo, Signore, è il Chianti con il fiume della Pesa e dell'Elsa, con i corni pieni di frutti, e anno a' piedi un Bacco di età più matura per i vini eccellenti di quel paese; e nel lontano ho ritratto la Castellina, Radda e il Brolio, con le insegne loro; e l'arme nello scudo tenuto da quel giovane, che rappresenta il Chianti, è un Gallo Nero in campo giallo".






.

Post popolari in questo blog

Domenica 23 gennaio 2022 - Rocca delle Macie ai piedi di Castellina in Chianti

ROCCA DELLE MACIE ai PIEDI DI CASTELLINA IN CHIANTI. Una bella camminata per rilassarci nella bellezza del Chianti d'inverno! Siamo su un tratto dell'antica Via Romea, ai piedi di Castellina in Chianti dove la pietra man mano si perde e lascia spazio e terreno alle suggestive sabbie e crete. Dove le colline di boschi, ancora colorate d'autunno, si aprono all'improvviso e si trasformano in dolci, verdissimi e tondeggianti colli. La camminata è molto varia e vedremo le cose belle e del Chianti - pievi, castelli, mulini, ville - ma anche le cose spettacolari delle crete. Conchiglie fossili e simboli dei pellegrini. Un bellissimo "mulino dei sogni". Lunghe strade bianche e affascinanti viali di cipressi centenari. I cipressi ci indicheranno la via. Animali al pascolo e il bellissimo borgo di Lilliano sulla via della Gruccia.   Dettagli escursione Camminata ad anello di circa 15 km circa Difficoltà: facile Impegno: facile (per persone con un pò di allena

Domenica 6 febbraio - Sulla Francigena intorno alla Badia a Conèo

Sulla Francigena intorno alla Badia a Conèo. Splendida, dolce Valdelsa. Andiamo nel bello della Valdelsa, un luogo che è incrocio di antiche vie: la Volterrana e la Francigena. La Via del Sale e la via di pellegrinaggio. Un paesaggio dolce e colorato come un acquerello. Storie di antiche strade e della vita che è passata di lì. Le 96 misteriose tombe e i simboli dei pellegrini, qua dove passò Sigerico. Greggi di pecore e borghetti medievali. Bellissimi panorami e un valle che sa di pace. Badia Conéo con tutta la sua storia e la sua bellezza fatta di pietre bianche. Qualche pecora qua e là... Dettagli camminata: anello di 14 km circa Difficoltà: facile Impegno: facile (ma ovviamente per persone un pochino allenate) Cosa portare: acqua, pranzo al sacco, scarpe da trekking obbligatorie Costo: 15 euro per organizzazione e servizio guida ambientale Orari e posto di ritrovo: ore 9.30 presso parcheggio di Abbazia di Santa Maria Assunta a Conèo - 53034 Colle di Val d'Elsa SI. Consiglio di