Passa ai contenuti principali

Domenica 9 ottobre - In Calvana a casa del pastore (con degustazione formaggi della Calvana)

 


In Calvana fino a casa del pastore, un ragazzo davvero speciale! La Calvana è un mondo diverso da dove si vede il mare ! Una montagna diversa da tutte le altre, tra bellezza naturale, cavalli selvaggi, panorami, leggende e misteri.
Un luogo che ti porta all'improvviso lontano dalla città pur avendola ai tuoi piedi. Un luogo affasciante che ha tante storie e noi andremo a farcele raccontare da chi ci abita.
Andremo alla scoperta di questo mondo selvaggio e soprattutto cammina cammina, arriveremo dal pastore, in un luogo un pò nascosto sulla montagna e saremo suoi ospiti, nel suo "quartier generale". Assaggeremo i suoi formaggi e la ricotta (e anche altro) fatti col latte delle capre, delle mucche e delle pecore che pascolano sul crinale, greggi vigilate dai cani a difesa degli attacchi dei lupi.
Non lasciatevi ingannare dal fatto che questo luogo sia così vicino alla città e che quindi possa essere considerato meno selvaggio e bello perché andando lassù avrete da stupirvi.
Poesia, natura selvaggia, panorami infiniti, il sole che tramonta, la città che si accende. Tutta poesia !
Ah, dimenticavo, lo sapete che da quassù si vede il mare? E che ci sono decine di cavalli selvaggi bellissimi?
Dettagli tecnici : KM: 16 A/R Difficoltà : media Impegno: medio
Dislivello complessivo in salita: 650 metri
Cosa portare: scarpe da trekking obbligatorie – acqua, pranzo al sacco, abbigliamento adatto alla stagione ad una quota di 800 metri
Adatto a: persone allenate
Costo : 23 euro a persona comprensivo di organizzazione e accompagnamento Guida Ambientale + degustazione di formaggi e salumi dal pastore
Ritrovo : ore 09.00 davanti Chiesa dei Cappuccini , via Armando Diaz a Prato – già colazionati - da lì con la macchina arriveremo in pochi minuti all’attacco del sentiero.
Rientro alle auto ore 17.30 circa
La guida è in possesso di regolare assicurazione RC. I partecipanti NON sono coperti da assicurazione infortuno personale.
Info e prenotazioni :
Eleonora Grechi - Guida Ambientale
Cell. 3920579570 


Per iscrizioni inviare un messaggio lasciando nome, cognome e numero di telefono. 
Il pagamento sarà fatto durante la giornata del trekking ma prego tutti, in caso di rinuncia,  di voler avvertire in tempo utile per poter far accedere al gruppo qualche altra persona interessata. Così che anche io (guida), possa fare il gruppo completo. Grazie per la gentile collaborazione. 

Post popolari in questo blog

Scarpe da trekking: chi più spende meno spende, o meglio, chi più spende si fa meno male e fa meno fatica.

  Questo piccolo “trattato semi-serio” vuole spiegare, spero con chiarezza, il perché sia utile e necessario indossare le cose giuste ai piedi quando si decide di andare a camminare. Sono i piedi che ci portano in giro e dobbiamo averne cura e rispetto altrimenti, come moltissimi hanno già testato personalmente, con non pochi pentimenti, la vendetta dei piedi maltrattati arriverà funesta e puntuale e prevede: slogature, cadute, sbucciature, tendiniti, dolori alle gambe, dolori alla schiena e conseguente abbandono dell’hobby delle camminate. Dopo tanti anni che faccio la guida ambientale mi stupisco ancora delle tante persone che si intestardiscono di approcciarsi a questo hobby/sport/passione con calzature non adeguate. Tra l’altro spesso con forte “impermalosimento” nel caso ci si permetta di dare un consiglio. Non è raro, vi assicuro, che, nonostante le istruzioni date più e più volte, si presentino la mattina alle camminate persone con scarpe, come dico io, “da tapis roulant”

Fare la guida è un lavoro serio. Vi portiamo a “giocare” ma per noi non è un gioco.

  Vi portiamo a “giocare” ma per noi non è un gioco. Fare la guida è un lavoro serio. Perché scrivo questo? Perché in tanti anni che faccio la guida, ho come l’impressione che tutti quei lavori e mestieri legati al gioco, alle distrazioni e al divertimento, non siano considerati lavori seri. Per me fare la guida è questo: camminare, conoscere, creare socializzazione ma è anche e soprattutto una grande responsabilità perché le persone ti affidano il proprio tempo libero. Ho molto rispetto del tempo più prezioso che ognuno di noi ha nella vita, quello in cui siamo liberi dai doveri quotidiani e si cerca nella natura e in un piccolo viaggio, un pò di distrazione, allegria e nuove conoscenze. Fare la guida (turistica o ambientale che sia) non è un lavoro qualsiasi, ma è una professione vera per la quale c’è bisogno alla base di grande preparazione e senso di responsabilità. Per prima cosa una preparazione culturale. A questa si aggiunge una preparazione tecnica e fisica. Una guida

Difficoltà delle camminate - cose da sapere

  In ogni volantino delle camminate trovate, nella parte dedicata ai "dettagli della camminata", alcune informazioni importanti. Per ogni camminata viene comunicata la  DIFFICOLTA' TECNICA . Questo grado di difficoltà, espressa in facile/medio/difficile, si riferisce a "dove si mettono i piedi".  Livello facile:  percorso si strade bianche, stradelli poderali e di campo, strade asfaltate, mulattiere, sentieri larghi. Livello medio:  percorso su sentieri stretti, acciottolati, pietraie, pascoli, tracce di sentiero, pendii a tratti ripidi. Possibili tratti scivolosi. Livello difficile:  percorso su terreno impervio e infido, pietraie, tratti esposti, nevai, sentieri disconnessi, esposti, rocciosi.  Per ogni camminata viene poi comunicato il livello di  IMPEGNO FISICO . Il grado di impegno si riferisce a "quanta fatica si fa". Impegno facile:  camminate con dislivelli contenuti sia in salita che in discesa - tra 0 e 300 metri. Impegno medio:  camminate co