Passa ai contenuti principali

6 e 7 gennaio - GITA DI BEFANA in TUSCIA

 

Per i giorni dell'Epifania, prima che tutte le feste se ne vadano via
vi propongo questa bella gita per andare a conoscere alcune delle cose più belle della TUSCIA.

👉 Civita di Bagnoregio, la città che muore
👉 L'antichissima Città di Sutri 
👉 Lago di Bracciano e Castello Odescalchi 
👉 Necropoli di Cerveteri 

Dopo tanti regali e tempo dedicati agli altri, può far bene farsi un regalo per cominciare l'anno nel miglior modo.

Il termine ultimo per le iscrizioni è il 3 dicembre.

So che molti preferirebbero una data più a ridosso della Befana ma purtroppo non è possibile perché siamo ancora in un periodo festivo e le disponibilità di posti nell'hotel scelto e in altri della zona già scarseggiano. Camere singole non più disponibili. 


INFORMAZIONI 
2 giorni nella storia, nella natura e nelle bellezze della Tuscia e dell'Alto Lazio.
2 giorni per noi.
2 giorni quando qui la tradizione di festeggiare l'Epifania è molto sentita.
Cosa vedremo: 
👉Civita di Bagnoregio: "la città che muore". Costruita dagli Etruschi su uno sperone di argilla color grigio e ocra a strapiombo sulla Valle dei Calanchi. Oggi uno dei Borghi più Belli d'Italia. Un luogo affasciante e suggestivo.
👉Antichissima città di Sutri: borgo che sorge sul tufo chiamato anche la porta d'Etruria. Il suo anfiteatro etrusco-romano (uno dei tre anfiteatri al mondo totalmente scavati nella roccia), il Mitreo, le catacombe, il suo centro storico. E il presepe vivente nel parco archeologico, al tramonto.
👉Castello Orsini di Bracciano: una delle dimore più famose e più belle al mondo che domina il Lago di Bracciano di origine vulcanica. Location di film e matrimoni vip, avvolto di storia e leggende. Il borgo medievale di Bracciano.
👉Cerveteri: la “Necropoli della Banditaccia” che è la principale zona di sepolture dell'antica città etrusca di Caere e una delle più suggestive e grandiose dell’Etruria e di tutto il Mediterraneo. Sicuramente uno dei principali siti archeologici etruschi arrivati sino a noi.
Visita guidata
Ora vi chiederete: quanto costa?
Prima leggete cosa c'è compreso:
Si parte col BUS da Firenze e zone limitrofe.
Hotel *** con cena e prima colazione
Ingresso a Civita di Bagnoregio
Ingresso a Sutri - parco archeologico e presepe vivente
Ingresso e visita guidata al Castello Odescalchi di Bracciano
Ingresso e visita guidata al Parco e Archeologico a Cerveteri e ingresso Museo Archeologico.
Assicurazione viaggio
Guida per tutta la durata del viaggio
Il prezzo?
245 euro a persona

NON PIU' DISPONIBILI CAMERE SINGOLE 
Prenotazioni entro e non oltre il 4 dicembre

Per info potete contattarmi :
Eleonora cell. 3920579570
leviedelchianti@gmail.com
Tour Operator CertosaViaggi
Tel. 055 2049692
sabrina@cartosaviaggi.it
bettina@certosaviaggi.it

Post popolari in questo blog

Scarpe da trekking: chi più spende meno spende, o meglio, chi più spende si fa meno male e fa meno fatica.

  Questo piccolo “trattato semi-serio” vuole spiegare, spero con chiarezza, il perché sia utile e necessario indossare le cose giuste ai piedi quando si decide di andare a camminare. Sono i piedi che ci portano in giro e dobbiamo averne cura e rispetto altrimenti, come moltissimi hanno già testato personalmente, con non pochi pentimenti, la vendetta dei piedi maltrattati arriverà funesta e puntuale e prevede: slogature, cadute, sbucciature, tendiniti, dolori alle gambe, dolori alla schiena e conseguente abbandono dell’hobby delle camminate. Dopo tanti anni che faccio la guida ambientale mi stupisco ancora delle tante persone che si intestardiscono di approcciarsi a questo hobby/sport/passione con calzature non adeguate. Tra l’altro spesso con forte “impermalosimento” nel caso ci si permetta di dare un consiglio. Non è raro, vi assicuro, che, nonostante le istruzioni date più e più volte, si presentino la mattina alle camminate persone con scarpe, come dico io, “da tapis roulant”

Fare la guida è un lavoro serio. Vi portiamo a “giocare” ma per noi non è un gioco.

  Vi portiamo a “giocare” ma per noi non è un gioco. Fare la guida è un lavoro serio. Perché scrivo questo? Perché in tanti anni che faccio la guida, ho come l’impressione che tutti quei lavori e mestieri legati al gioco, alle distrazioni e al divertimento, non siano considerati lavori seri. Per me fare la guida è questo: camminare, conoscere, creare socializzazione ma è anche e soprattutto una grande responsabilità perché le persone ti affidano il proprio tempo libero. Ho molto rispetto del tempo più prezioso che ognuno di noi ha nella vita, quello in cui siamo liberi dai doveri quotidiani e si cerca nella natura e in un piccolo viaggio, un pò di distrazione, allegria e nuove conoscenze. Fare la guida (turistica o ambientale che sia) non è un lavoro qualsiasi, ma è una professione vera per la quale c’è bisogno alla base di grande preparazione e senso di responsabilità. Per prima cosa una preparazione culturale. A questa si aggiunge una preparazione tecnica e fisica. Una guida

Difficoltà delle camminate - cose da sapere

  In ogni volantino delle camminate trovate, nella parte dedicata ai "dettagli della camminata", alcune informazioni importanti. Per ogni camminata viene comunicata la  DIFFICOLTA' TECNICA . Questo grado di difficoltà, espressa in facile/medio/difficile, si riferisce a "dove si mettono i piedi".  Livello facile:  percorso si strade bianche, stradelli poderali e di campo, strade asfaltate, mulattiere, sentieri larghi. Livello medio:  percorso su sentieri stretti, acciottolati, pietraie, pascoli, tracce di sentiero, pendii a tratti ripidi. Possibili tratti scivolosi. Livello difficile:  percorso su terreno impervio e infido, pietraie, tratti esposti, nevai, sentieri disconnessi, esposti, rocciosi.  Per ogni camminata viene poi comunicato il livello di  IMPEGNO FISICO . Il grado di impegno si riferisce a "quanta fatica si fa". Impegno facile:  camminate con dislivelli contenuti sia in salita che in discesa - tra 0 e 300 metri. Impegno medio:  camminate co