Passa ai contenuti principali

14 - 15 - 16 ottobre - Via Francigena da Gambassi a Monteriggioni

 


LA VIA FRANCIGENA - ROAD TO ROME
3 giorni, lentamente nella bellezza, nei colori dell'autunno, sul tratto più bello e più antico e vissuto di questa antica via della Toscana.
Da Gambassi Terme a Monteriggioni passando per San Gimignano
La Via Francigena in Toscana:
dove il tempo sembra essersi fermato.
Cos’è la Via Francigena?
Correva l’anno 990 e l’abate Sigerico percorse 1800 chilometri da Canterbury a Roma, per ricevere la sacra investitura come vescovo della città britannica. Impressionato già da allora dalla bellezza dei territori, annotò il suo viaggio che poi per più di un millennio sarà percorso e battuto dai pellegrini europei per raggiungere la capitale, cuore della cristianità, e proseguire ancora più a sud per imbarcarsi verso la Terrasanta. Un viaggio di ricerca di pace interiore. Lungo questa strada si sono “incrociate” vite e culture. Sono passate ricchezze e idee che hanno lasciato il segno ancora visibile su ogni pietra, su ogni pieve, in ogni borgo e città.
Ancora oggi questo cammino viene percorso da migliaia di persone ogni anno e vissuto come un’occasione unica e indelebile per chi ama camminare e scoprire lentamente ciò che ci circonda.
Il nostro sarà un piccolo viaggio a piedi, vissuto lentamente, a stretto contatto con la natura e il territorio, ma anche con la storia e le tradizioni che nei luoghi dove cammineremo sono ancora profondamente vive.
Camminare a passo lento, avvolti dal silenzio e rifocillati dalla bellezza del paesaggio e dalla bontà dei prodotti territoriali, trasforma questo percorso in un’occasione di conoscenza e consapevolezza di ciò che ci circonda. A volte per qualcuno si trasforma anche in un’occasione di ricerca interiore e di riavvicinamento a sé stessi e alle persone.
Il nostro viaggio a piedi ci porterà ad camminare ed esplorare uno dei tratti più belli della nostra Via Francigena Toscana.
3 tappe che ci porteranno da Gambassi Terme a Monteriggioni passando per San Gimignano, Colle Val d’Elsa, Badia a Conèo, Abbadia a Isola.
Il nostro viaggio in 3 tappe
da Gambassi Terme a Monteriggioni
Giorno 1
Partenza da Gambassi Terme
Arrivo a San Gimignano
Km: 14 – difficoltà: facile
Da vedere: Gambassi Terme, Pieve di Chianni, Pieve di Cellole, San Gimignano. La Via della Vernaccia.
Avremo tempo per: visitare liberamente San Gimignano e i suoi musei, salire sulla Torre Grossa, ammirare la città che si illumina al tramonto e la notte. San Gimignano è un borgo Patrimonio Unesco. Museo del Vino e della Vernaccia.
Giorno 2
Partenza San Gimignano
Arrivo a Colle Val d’Elsa
Km 16 – difficoltà: facile
Da vedere: Badia a Conèo, uno dei tratti più antichi di strada lastricata medievale, il castello di Colle Val d’Elsa Alto. L’incrocio con la Via Salaiola etrusca.
Avremo tempo per: visitare liberamente la bellissima cittadina dall’atmosfera medievale, conosciuta per la produzione del cristallo.
Giorno 3
Partenza da Colle Val d’Elsa
Arrivo a Monteriggioni
Km 17 – difficoltà facile/medio
Da vedere: il sentiero sul fiume Elsa con le sue acque termali, la antiche terme romane di Gracciano, dette “Caldane”, Abbadia a Isola, Monteriggioni.
Avremo tempo per: entrare nel piccolo borgo castello di Monteriggioni che significa fare un salto indietro nel Medioevo, di cui conserva integralmente stile e atmosfere. Si può camminare sulla cinta muraria con le sue 14 torri a base quadrata che gli conferiscono l’aspetto di una corona, visitare la Chiesa di Santa Maria Assunta e il Museo di armi e armature. Alle sue porte, collegato da boschi e campi di grano dorato, c’è il borgo di Abbadia a Isola, nato intorno a un antico e suggestivo monastero benedettino.

Il viaggio è itinerante, zaino in spalla. Ma con bagaglio leggero perché andremo a dormire in hotel*** .
Adatto a tutti ma con un minimo di allenamento al camminare.
Lungo il percorso ci sono alcuni guadi (facili) da passare.
Costo: 270 euro a persona
Comprende:
• 2 pernottamenti in hotel ***
• 2 cene in hotel (cena a San Gimignano bevande escluse)
• 2 colazioni
• Servizio accompagnamento Guida Ambientale Escursionistica per l’intera durata del viaggio a piedi
• Assicurazione viaggio T.O.
La quota NON comprende:
• Pranzi al sacco (che acquisteremo lungo il percorso)
• Visite e degustazioni che saranno comunque proposte al gruppo in corso di viaggio e alle quali si può aderire oppure no
• Costo per trasferimenti per punto di partenza e rientro (il rientro sarà fatto con servizio taxi o ncc da dividere tra i partecipanti - costo circa 20 euro a persona)
• Tasse di soggiorno (che saranno pagate in hotel – circa 2 euro a persona a notte)
• Supplementi camera singola (25 euro a notte)
Data ultima di prenotazione e pagamento sabato 1 ottobre.
Informazioni relative al viaggio a piedi:
Eleonora Grechi
Guida ambientale escursionista
Cell. 3920579570 – leviedelchianti@gmail.com

Post popolari in questo blog

Scarpe da trekking: chi più spende meno spende, o meglio, chi più spende si fa meno male e fa meno fatica.

  Questo piccolo “trattato semi-serio” vuole spiegare, spero con chiarezza, il perché sia utile e necessario indossare le cose giuste ai piedi quando si decide di andare a camminare. Sono i piedi che ci portano in giro e dobbiamo averne cura e rispetto altrimenti, come moltissimi hanno già testato personalmente, con non pochi pentimenti, la vendetta dei piedi maltrattati arriverà funesta e puntuale e prevede: slogature, cadute, sbucciature, tendiniti, dolori alle gambe, dolori alla schiena e conseguente abbandono dell’hobby delle camminate. Dopo tanti anni che faccio la guida ambientale mi stupisco ancora delle tante persone che si intestardiscono di approcciarsi a questo hobby/sport/passione con calzature non adeguate. Tra l’altro spesso con forte “impermalosimento” nel caso ci si permetta di dare un consiglio. Non è raro, vi assicuro, che, nonostante le istruzioni date più e più volte, si presentino la mattina alle camminate persone con scarpe, come dico io, “da tapis roulant”

Fare la guida è un lavoro serio. Vi portiamo a “giocare” ma per noi non è un gioco.

  Vi portiamo a “giocare” ma per noi non è un gioco. Fare la guida è un lavoro serio. Perché scrivo questo? Perché in tanti anni che faccio la guida, ho come l’impressione che tutti quei lavori e mestieri legati al gioco, alle distrazioni e al divertimento, non siano considerati lavori seri. Per me fare la guida è questo: camminare, conoscere, creare socializzazione ma è anche e soprattutto una grande responsabilità perché le persone ti affidano il proprio tempo libero. Ho molto rispetto del tempo più prezioso che ognuno di noi ha nella vita, quello in cui siamo liberi dai doveri quotidiani e si cerca nella natura e in un piccolo viaggio, un pò di distrazione, allegria e nuove conoscenze. Fare la guida (turistica o ambientale che sia) non è un lavoro qualsiasi, ma è una professione vera per la quale c’è bisogno alla base di grande preparazione e senso di responsabilità. Per prima cosa una preparazione culturale. A questa si aggiunge una preparazione tecnica e fisica. Una guida

Difficoltà delle camminate - cose da sapere

  In ogni volantino delle camminate trovate, nella parte dedicata ai "dettagli della camminata", alcune informazioni importanti. Per ogni camminata viene comunicata la  DIFFICOLTA' TECNICA . Questo grado di difficoltà, espressa in facile/medio/difficile, si riferisce a "dove si mettono i piedi".  Livello facile:  percorso si strade bianche, stradelli poderali e di campo, strade asfaltate, mulattiere, sentieri larghi. Livello medio:  percorso su sentieri stretti, acciottolati, pietraie, pascoli, tracce di sentiero, pendii a tratti ripidi. Possibili tratti scivolosi. Livello difficile:  percorso su terreno impervio e infido, pietraie, tratti esposti, nevai, sentieri disconnessi, esposti, rocciosi.  Per ogni camminata viene poi comunicato il livello di  IMPEGNO FISICO . Il grado di impegno si riferisce a "quanta fatica si fa". Impegno facile:  camminate con dislivelli contenuti sia in salita che in discesa - tra 0 e 300 metri. Impegno medio:  camminate co