Passa ai contenuti principali

Domenica 29 maggio - Calamecca borgo del "dugento"

 

Calamecca, antico borgo medievale, affascinante e poetico. Un gioiello della Val di Forfora. Faremo una camminata ad anello per scoprire la natura, la storia, il bel torrente Pescia, i boschi misti di castagno colorati d'autunno. Poi ancora un altro borgo incantevole, Crespole, sospeso nel tempo e incastonato sul crinale della montagna. Viuzze, chiesette, lastricati, scalette, panorami, fontanelle. I campanili così massicci e grigi ci faranno fare un salto nel medioevo. Tutto qui è come se fosse rimasto immobile per secoli. Cammineremo su antichissimi sentieri del "dugento", quanto a piedi e con i muli si calava a valle per andare agli mulini lungo il fiume.

Secondo me, che gironzolo abbastanza e ho visto tanti luoghi e borghettini in Toscana, sarà davvero una bella sorpresa con i colori e i panorami di questa primavera.
Per me è stata una bella scoperta...! 
Dettagli camminata:
Anello di circa 15 km.
Tipo di sentieri : sentieri di montagna, mulattiere antiche, lastricati, un tratto di asfalto inevitabile (bello, panoramico e non trafficato)
Difficoltà: media (alcuni tratti potrebbero essere scivolosi - consigliati bastoncini)
Impegno : medio
Dislivello : in salita 700 metri circa e altrettanti in discesa
Quota massima raggiunta: 690 metri slm
Cosa portare: zaino leggero, scarpe da trekking obbligatorie meglio se alte alla caviglia, acqua, pranzo al sacco, vestiti adatti alla stagione.
Costo: 15 € a persona comprensivo di organizzazione e accompagnamento guida ambientale
Orari e posto di ritrovo: ore 9.20 presso parcheggio a CALAMECCA (provincia di Pistoia - guarda link del posto su questo evento !).
Consiglio di guardare la strada in anticipo per evitare ritardi e consiglio anche di passare da Pistoia - Zoo - Montagnana- Calamecca)
Orario fine: ore 17.00 circa
La guida è in possesso di regolare assicurazione RC di legge.
I partecipanti NON sono coperti da assicurazione personale infortuni
In caso di meteo avverso l'escursione verrà cancellata. Verrete avvisati dalla guida.
Info e prenotazioni:
Eleonora Grechi
cell. 3920579570
leviedelchianti@gmail.com

Post popolari in questo blog

Scarpe da trekking: chi più spende meno spende, o meglio, chi più spende si fa meno male e fa meno fatica.

  Questo piccolo “trattato semi-serio” vuole spiegare, spero con chiarezza, il perché sia utile e necessario indossare le cose giuste ai piedi quando si decide di andare a camminare. Sono i piedi che ci portano in giro e dobbiamo averne cura e rispetto altrimenti, come moltissimi hanno già testato personalmente, con non pochi pentimenti, la vendetta dei piedi maltrattati arriverà funesta e puntuale e prevede: slogature, cadute, sbucciature, tendiniti, dolori alle gambe, dolori alla schiena e conseguente abbandono dell’hobby delle camminate. Dopo tanti anni che faccio la guida ambientale mi stupisco ancora delle tante persone che si intestardiscono di approcciarsi a questo hobby/sport/passione con calzature non adeguate. Tra l’altro spesso con forte “impermalosimento” nel caso ci si permetta di dare un consiglio. Non è raro, vi assicuro, che, nonostante le istruzioni date più e più volte, si presentino la mattina alle camminate persone con scarpe, come dico io, “da tapis roulant”

Isola di GORGONA - nuove date: 13 giugno / 20 giugno / 10 luglio / 24 luglio

  Gorgona non è semplicemente un'isola. E' un mondo a parte. Un piccolo mondo unico e speciale. Uno scoglio in mezzo al mare difficile da descrivere in poche righe, dove una natura lussureggiante e selvaggia si lega alla storia, importante e complessa, del suo penitenziario (tutt'ora attivo). Chiunque decida di sbarcare e visitare questo angolo di roccia in mezzo al mare blu e cristallino, sarà certamente un privilegiato e porterà con sé tutta la vita un bellissimo e indelebile ricordo. Un giorno speciale. Un trekking speciale. L'Isola di Gorgona, nel Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano è un luogo straordinario, selvaggio, unico e incontaminato. Antiche fortificazioni e torri di avvistamento che ci parlano di pirati. Baie e insenature con acque cristalline, natura selvaggia, resti dell'antica civiltà romana. Il borgo dei pescatori. Profumi di macchia mediterranea. Panorami immensi tra mare, isole e cielo. Un viaggio nella natura e nel tempo. Un viaggio per

25/26 giugno - Castelluccio di Norcia per le fioriture

  Fioriture Castelluccio di Norcia, Vallo di Nera, Cascate delle Marmore e Lago di Piediluco Gita di due giorni con "tutto": trekking a Castelluccio di Norcia, escursione fino in cima alla Cascata delle Marmore, visita al romantico borgo di Vallo del Nera, pranzo sul lago e gita in battello. Non ci si annoierà di certo e non mancheranno le cose belle da vedere. Questi son posti che non hanno bisogno di nessuna presentazione. Però farò un breve ripasso: Le FIORITURE DI CASTELUCCIO di Norcia sono famose in tutto il mondo. Un miracolo della natura che si ripropone ogni anno ai nostri occhi per pochi giorni. Giungono qui persone e fotografi da ogni parte del mondo per vederle! VALLO DEL NERA, stupendo e intimo gioello eletto uno dei "Borghi più belli d'Italia". CASCATE DELLE MARMORE: con i suoi 165m, è una delle più alte d’Europa. Si forma alla confluenza del fiume Velino nel fiume Nera. Nel 271 a.C. i romani iniziarono gli scavi del canale canale in cui far conflui